Serve una riforma anche per i Casinò

riforma casino

Non vi è ombra di dubbio che l’Esecutivo debba forzatamente intervenire anche nel comparto delle Case da Gioco. Molte persone si chiedono quali sono i migliori casino online e non trovano una risposta adeguata. È una materia in cui non si è intervenuti da anni e si è ancora fermi ai regi decreti di decenni fa. Oltre tutto, nelle Case da Gioco vi sono controlli di gran lunga superiori e più invasivi rispetto a ciò che si compie in un locale che tiene le sue slot machine in qualche retrobottega. La normativa dei casinò tricolore va rivista riportandola al livello che già esiste in altre realtà europee, come per esempio in Francia dove, in quelli presenti sul territorio, c’è un perfetto e corretto controllo del flusso di danaro.

Purtroppo, però, siamo davvero in un terreno che è estraneo all’opera di riordino che interverrà in Conferenza Unificata voluta dalla manovra finanziaria dello scorso anno. L’Esecutivo, anche per questo riordino, è ancora e sempre in ritardo sperando che almeno abbia le idee chiare che rispecchino esattamente quelle che sono state proposte alle Regioni e agli Enti Locali. Dispiace solamente che, sempre nostro Esecutivo, non abbia preso in considerazione anche il comparto dei Casinò italiani che da tempo, come detto qualche riga più sopra, stanno aspettando un intervento di qualsiasi tipo, basta che metta fine alle ambiguità delle normative in essere che non fanno altro che mettere il comparto in difficoltà.

Anche chi non conosce il mondo del gioco d’azzardo sa perfettamente che questo comparto è in grande deficit, gli introiti, così come gli incassi, continuano a diminuire ed il trend in discesa, che porterà alla fine di questo 2016, sarà paurosamente inferiore a quello dello scorso anno che già non era dei migliori. Il marketing delle quattro Case da Gioco nazionali non sa più cosa studiare, e mettere in pratica, per incentivare i giocatori a ritornare sui propri passi ed a rientrare nelle sale affascinanti e coinvolgenti del Casinò che da tempo immemorabile offrono ai propri visitatori emozioni e sensazioni che solo l’ambiente della Casa da Gioco può offrire e non far dimenticare.

Ma forse questo discorso non interessa a nessuno, tanto meno al nostro Esecutivo, considerando che i Casinò sono gestiti da società partecipate dello Stato e, quindi, ovviamente lo stesso non potrà mai legiferare qualcosa che vada contro i propri interessi. Almeno fino ad ora è stato così, e le speranze che con una certa velocità si possono cambiare le cose è sempre più distante dalla mente degli operatori di questo segmento. Certo dispiace veramente che queste strutture che contengono “il tipico gioco d’azzardo” non possano usufruire di qualche attenzione da parte dell’Esecutivo.

La cosa essenziale sembrerebbe essere un intervento ovviamente nazionale da parte dello Stato che tocchi anche il comparto dei Casinò: naturalmente, lo Stato non deve avere l’interesse specifico perché il suo popolo giochi, deve solo intervenire per riordinare il tutto, e si sottolinea tutto, il mondo del gioco: la realtà, invece, è ben diversa ed è che una parte del bilancio statale è coperto dagli introiti del gioco d’azzardo, e questo è veramente intollerabile.